Prossima spedizione in Bolivia al Huayna Potosì, all'Illimani, al Nevado Sajama

 

Dal 29 maggio al 18 giugno prossimi coordinerò un piccolo gruppo di alpinisti per tentare la salita delle due più alte cime della Bolivia: il Nevado Sajama e l'Illimani. Dopo un periodo di acclimatazione che ci vedrà impegnati in moutain bike lungo la 'Carretera de la Muerte' conosciuta anche come Via degli Yungas (strada abbandonata che, tra svolte a U e precipizi, collega La Paz a Coroico per un dislivello di 3125 m in 56 km di sviluppo) procederemo in autonomia con le salite in programma.

Nuovo tentativo di salita al Picco Lenin

 

Il prossimo luglio ritenterò il picco Lenin, in seguito all'insuccesso della spedizione dell'anno scorso. Il Pik Lenin, 7134 m, sorge in Pamir nella catena del Trans-Alaj, spartiacque tra Kirghizistan e Tagikistan. L'ascensione fa parte del circuito dello Snow Leopard, in russo Снежный барс, riconoscimento che, in epoca sovietica, era attribuito a chi avesse salito tutte le cinque montagne oltre i settemila metri presenti nel territorio dell'allora Unione. La spedizione sarà composta solo da me e Matteo Corsini senza guida nè portatori. Raggiungeremo Osh in volo, proseguendo poi via terra sino al campo base di Achilk–Tash, da cui continueremo a piedi sino al campo base avanzato. Da quest'ultima base, una volta ben acclimatati, saliremo ai campi due e tre lungo la via normale della cresta ovest. Qui le immagini del precedente tentativo di salita. Presto il video.

Damodar Kunda Trek e salita al Saribung

 

Lo scorso ottobre ha avuto pieno successo un avventuroso trek in Nepal (compresa la salita al picco Saribung, 6346 m). L'itinerario ha collegato Lo Manthang, in Mustang, ai laghi sacri di Damodar Kunda alla valle di Naar Phu per concludersi sulle sponde del lago Tilicho, ai piedi della catena dell'Annapurna. Il quasi-anello, lungo più di duecento km, ci ha visto superare sei passi oltre i 5000 metri (di cui uno di 6000 metri). Quest'ultimo, il Saribung La, 6042 m, è uno dei più alti in Nepal percorribili a piedi senza attrezzature né particolari conoscenze alpinistiche, e si trova in zone lontane da qualsiasi insediamento umano. La risalita del ghiacciaio Khumjungar ci ha portati al passo. Da qui abbiamo battuto traccia salendo in due ore il picco Saribung, 6346 m, un facile trekking peak posto 300 sopra il passo. E’ stato il punto più alto raggiunto nel corso della spedizione, prima di una lunga e complicata discesa verso il villaggio di Phu. Nel corso delle due settimane del trek siamo stati completamente isolati durante i sei giorni centrali tra il Damodar Himal e il Khumjungar Himal, un'area remota e isolata dell'Himalaya nepalese, tra bharal, aquile e yak allo stato brado. Da Nar, superato il Kang La, 5320 m, abbiamo infine raggiunto Manang, nella valle del fiume Marshyangdi, per finire il trek in bellezza sulle sponde del lago Tilicho, 5000 m, posto sotto l'omonimo picco. Qui ci sono le immagini del trek e della salita, qui il racconto e qui il video della spedizione.