Prossima spedizione al Khan Tengri una delle 5 montagne dello "Snow Loepard"

 

Dato che non ci consideriamo dei forzati della montagna, per non salire le cime serialmente quest'anno Adriano Dal Cin e io abbiamo deciso di cambiare continente, prima di tornare sulle Ande per completare le due ultime rimaste tra le 7 Cumbres. Il prossimo luglio ci recheremo in Tien Shan per affrontare una bella ed elegante montagna di 7000 m: il Khan Tengri. Questa cima si trova sul confine tra Kirghizistan e Kazakistan e fa parte del circuito noto come 'Snow Leopard' (Снежный барс in russo): cinque difficili vette dell'Asia centrale che costituivano un tempo (e sono tutt'ora) il terreno di gioco e di formazione dei più forti alpinisti dell'ex Unione Sovietica e del mondo. Le rimanenti sono l'Ibn Sina (aka Peak Lenin), l'Imail Samani (ex Peak Communism), il Jengish Chokusu (in precedenza Peak Pobeda) e il Peak Korzhenevskaya. Tutte cime sopra i 7000 m di cui il Khan Tengri rappresenta la seconda in ordine di difficoltà. La spedizione sarà, come al solito, autogestita e in stile leggero, senza guide né portatori.

Trek alla est dell'Everest Kangshung face

 

Tra settembre e ottobre di quest'anno coordinerò un trek in Tibet sino alla scarsamente frequentata parete est dell'Everest. Questo viaggio rappresenta per Avventure nel Mondo una prima: 20 giorni in Tibet dai monasteri di Lhasa al ghiacciaio Kangshung. Non mancherà, lungo il percorso di avvicinamento, una visita agli splendidi monasteri di Shigatse (Tashilhunpo) e di Sakya. I due passi di Langma La (5357 m) e di Shao La (4890 m) ci porteranno da Kharta, ultima località raggiungibile in fuoristrada, sino al ghiacciaio che origina direttamente dalla parete orientale dell'Everest e del Lhotse. E' consigliabile attraversare uno di questi due passi all'andata e l'altro al ritorno, per vedere le montagne da prospettive diverse. Il percorso a piedi è facile da percorrere, a meno che non sia caduta neve fresca. In questo caso il Langma La presenta pericolo valanghe. I campi migliori nei pressi dei due valichi sono il lago di Suzong a ovest del Langma La e il lago di Shao Tso a nord del Shao La. Sarà inoltre possibile raggiungere la morena settentrionale del ghiacciaio Kangshung su facili sentieri fino a circa 5200 m di altitudine. Un buon luogo di osservazione sono i prati alpini di Pethang Ringmo. Oltre al possente fianco orientale innevato del Monte Everest, lo scenario da questo punto di vantaggio è dominato dalle pareti settentrionali del Makalu e del Chomo Lonzo.